Il Flesso di Coscienza

Pubblicato: 5 ottobre 2009 in ECCO I COMICI SERI!

Il Flesso di Coscienza 

(di Filippo Giardina)

Ieri sono andato, per la prima volta nella mia vita, in un

locale dove si faceva un aperitivo

fashionallamodac’èbellaggggente

Il locale era il “Jet Set” a Roma.

Mi armo di camicia blu ben stirata e mi lancio sperando di

superare la rigida selezione all’ingresso.

A 35 anni è squallido, ma d’altronde il sistema si

cambia dall’interno.

E poi i miei amici mi dicono che siamo in lista.

Ci si sente più sicuri quando si è in lista…

Arrivo alle 20 30 e mi danno il benvenuto con un’ora di

fila all’ingresso, durante la quale una simpaticissima

hostess di 26 anni mi da del lei come se fossi un bacucco.

Non accuso, devo essere aperto alla socialità, sorrido e

faccio finta di niente.

Una volta entrati nel locale mi faccio 15 minuti di fila per

pagare il biglietto di 15 euro.

Mi pare equo.

Prendo i ticket per mangiare e bere e mi lancio nella fila

per il buffet.

45 minuti di fila mi costringono alla solita triste scena

del bambino povero che si riempie il piatto di tutto quel

mal di dio.

Affronto col mio piattino la sguardo disgustato della gente

e passo alla fila per il drink.

30 minuti di fila e riesco finalmente a prendere il mio

mohito.

Sono le 23 ho pagato, fatto la fila e ho già voglia di

andare a casa.

Ma non si può…

Eccolo li il classico snobbettino asociale, ma chi cazzo ti

credi di essere?

Resisto e cerco di capire quale potrebbe essere la chiave

per divertirsi che non sia la solita ubriachezza molesta con

conseguente sbiascicamento e vomito.

Mi guardo intornno e vedo un’umanità varia…

Tutti vestiti come a capodanno.

Sette o otto ragazze bellissime credo pagate dal locale ma

che avrei pagato anche io se si fosse presentata

l’occasione, ma la maggior parte erano piuttosto bruttine,

di quella particolare bruttezza che viene acuita dal trucco

e dall’abitino sexy.

Si aggiravano in gruppi di 5 o 6 con lo sguardo iniettato di

sperma scambiandosi paroline all’orecchio in un clima di

torrida morbosità.

Tutti sorridevano anche se non c’era un cazzo da ridere.

Io no.

Aiuto! Non si comunica in nessun modo!

Siamo persone trasformate in gregge.

A un certo punto il vocalist grida al microfono “Abbiamo

l’onore di avere questa sera i ragazzi dell’ AS

Roma”(immaginate la voce dell’imbonitore da luna park

con le e aperte che fanno molto presentatore idiota di mtv)

Boato della folla:” Aho me sa che ce sta Vucinic”

Non resisto, addio mondo glamour.

Le persone escono per stare in piedi a guardare.

Sono orgoglioso della mia pesantezza.

Torno a casa e mi leggo Kurt Vonnegut.

E adesso chi è questo Kurt?

Cercate su google.

Vale 100 aperitivi.

Si vabbè ma la socialità?

Basta.

Scopare oggi è facile, non serve più tutto questo.

Io voglio conoscere parlare confrontarmi incuriosirmi ridere

discutere bramare desiderare camminare abbracciare e 

tuttalpiù nuotare.

Io sto male, la gente non esiste ma sta male e Berlusconi

purtroppo non c’entra niente.

Filippo Giardina

Annunci
commenti
  1. Anna ha detto:

    Caro Filippo cosa c’è di più sociale-fashion-glamour che unificarsi nel caotico-arido-superficiale-apparire che ci travolge più di un terremoto, più di una frana creata e costruita da quest’essere superiore chiamato genere umano?? Abbiamo superato l’anno 2000 da un pezzo e se anche il comandante John Koenig o la dottoressa Helena Russell nn l’abbiano saputo prevedere è questo il meraviglioso futuro che chissà come immaginavamo potesse essere quando noi ancora eravamo ragazzi. Eh sì che ci ritenevamo fortunati a poterlo vivere e sperimentare sulla ns pelle! Cellulari, pc, voli come fossero quelle ns corse in abbonamento sugli autobus che tanto ci stremavano e ci divertivano. Ma te le ricordi le ns feste in casa nei bui e stretti scantinati sotto casa?? Si suonava, si ballava e ognuno portava il suo LP rigorosamente marchiato a pennarello col ns nome affinchè nn si perdesse! Ma io mi chiedo come ci si poteva divertire ridendo e chiacchierando tra amici con cui già si condivideva scuola, comitiva, vicinato, parentela?? Certo: eravamo dei folli! Divertirsi con così poco! Senza il ns viaggio a Cuba o Sharm, vestiti a zanna d’elefante senza i ns HI-PHONE , mi chiedo: com’era possibile tutto ciò??? Senza la dipendenza da ceretta-parrucchiera-lampada-D&G! Quanto tutto era così semplice, troppo semplice!
    Guarda invece ora, è tutto scritto-catalogato-commentato-taggato-clikkato-fotografato sul ns profilo facebook-myspace-meetic-ecchipiùnehapiùnemetta!! Intere bacheche di esseri rigorosamnte sorridenti stracolme dei ns innumerevoli pregi da santoni perfetti-solari-buoni-amabili più di un buon vino di pregiata annata innaffiato da altrettanti amici/che solari-buoni-amabili ancor più di noi! “Buongiorno, buon pomeriggio, buona serata, buona notte, buon tutto quello che nn si ha il tempo di dire neanche al proprio genitore che magari nn abbiamo tempo di sentire da mesi! Altro che affaticarsi a parlare! Ci si conosce senza neanche il bisogno di guardarci in faccia o ascoltare il suono della voce: a che servirà mai??? Alle brutte ci si sms-mms-videochiama che è tutto più facile! E poi l’Amore, l’Amicizia, le emozioni e i sentimenti: tutto così fuori moda e finalmente superato!
    Eh no mio caro amico, che meraviglia restare inerti e dedicare le ns preziose attenzioni ad uno schermo che almeno nn ti contasterà mai con un mal di testa, un parere diverso, un tono inaspettato. Lui sì che fà sempre ciò che gli dici! E’ questa la cosa più glamour
    …… tutto il resto è pazzia…..follia pura……………………

    peccato solo……… uscirne tutti soli e irrimediabilmente vuoti e depressi!

    … e ancora in tutto questo Berlusconi nn c’entra! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...