Cari indomabili bastardi

Pubblicato: 4 gennaio 2010 in "SUPPOSTE DI PRESENTE" di Claudio Fois

Numero quattordici                                                                                                            Lunedì 4 Gennaio 2010

L’autore si assume pienamente la responsabilità di quanto appresso riportato e solleva totalmente da qualunque onere il blog che lo ospita.

SUPPOSTE DI PRESENTE

Rubrica di pensieri e parole, riflessioni ed osservazioni sul mondo circostante

con lo scopo di far conoscere ai posteri com’era la nostra epoca e cosa si sono persi.

CARI INDOMABILI BASTARDI

(di Claudio Fois)

Cari, posteri è successo questo.

E’ successo che il presidente iraniano Ahmadinejad ha messo fine alla sua campagna di repressione contro le tintorie di Teheran facendosi dare una stirata a quel vestito grigio sorcio scolorito che indossa sempre, anche in quei giorni!

Purtroppo non è vero (infatti è più facile che Ahmadinejad si converta all’ebraismo facendo due volte la cerimonia di circoncisione!) ma è successa una cosa altrettanto sconvolgente e cioè che in Iran gli oppositori del regime, in più di un’occasione (elezioni, eventi, ricorrenze), si stiano facendo ammazzare per protestare in piazza contro l’attuale governo e soprattutto contro la guida spirituale suprema Khamenei. Non c’è dio che tenga, non c’è repressione abbastanza efficace per fermare le proteste, non ha sortito effetto neanche la promessa di fare arrivare dall’Italia il Digitale Terrestre che, com’è noto, dà la Felicità e tutto il mondo ci invidia!

Chi sono questi oppositori? Non l’esercito, non guerriglieri specializzati bensì la “gente” o parte di essa. Quella fottutissima, pecorona massa che spesso dà prova di ottuso autolesionismo votando certe persone, comportandosi male con l’ambiente oppure scegliendo volontariamente di andare a vedere per la seconda volta il “Pinocchio” di Roberto Benigni! Ebbene questa “gente”, per altri versi, ha ancora la capacità di ribellarsi e di dire “no”.

Se l’Umanità ha colonizzato i ghiacci e i deserti, è sopravvissuta alla peste in tempi in cui la terapia più efficace era la preghiera ed ha superato momenti bui quali i Mondiali ’90, vuol dire che non c’è minoranza al potere o dittature che tengano, prima o poi finiranno o verranno fatte finire.

Mio padre non avrebbe mai pensato di veder cadere il muro di Berlino, la Lira sembrava non dovesse sparire mai e così anche il regno primitivo sessuofobo a sfondo religioso in Iran sta volgendo storicamente alla fine, magari ci vorranno altri cento anni (quindi nessuno di quelli che sono vivi oggi, a parte Andreotti vedrà questo evento) ma prima o poi terminerà anch’esso.

E’ appena iniziato l’anno 2010, cari posteri, e lo voglio cominciare con un “grazie”: grazie a tutti coloro che si ribellano, grazie tutti quelli che protestano, grazie a tutti quelli che vanno in piazza anche per me, grazie a quelli che non smettono mai di provarci (tanto, prima o poi, ci si riesce), grazie insomma a tutta quella “gente” che c’è, c’è stata e ci sarà sempre e che fa di noi esseri umani dei cari, fottuti, indomabili bastardi capaci di essere il male ma anche la cura di noi stessi.

Questo, cari posteri, per oggi è tutto. Con affetto il vostro antenato Claudio Fois

Link consigliato (scena finale di Braveheart)

Annunci
commenti
  1. Stefano Giordani ha detto:

    La differenza tra gli italiani (gli europei) e i popoli che tu menzioni è una soltanto: anche da noi si scende in piazza, anche noi organizziamo cortei, anche noi siamo bravissimi ad inventare slogan e proporre iniziative. Solo che noi, il giorno dopo, abbiamo già dimenticato tutto.

    Nota bene: autorevoli studi scientifici hanno dimostrato che su alcune persone la doppia circoncisione è tecnicamente possibile, ma per chiarezza espositiva la prima viene chiamata circoncisione, la seconda viene chiamata scalpo.

  2. Stefano ha detto:

    ehi avevo lasciato un commento particolarmente intelligente ma ora è scomparso!
    Va bene, non era intelligente, ma era un commento interessante.
    D’accordo, era una cavolata. Probabilmente avete fatto bene a censurarlo.
    Saluti 🙂

  3. Claudio ha detto:

    No!… Ma quale censura!.. Ne parlerò col gestore del blog… Certo se era TROPPO intelligente, in effetti c’è un filtro che screma automaticamente!.. Indagheremo. Grazie comunque!

  4. makkekomiko ha detto:

    No Signori, è tutto sotto controllo. Il commento, non solo è molto intelligente, ma era solo in attesa di approvazione!
    Ora è chiaramente visibile a tutti…
    Non esitate a contattarmi direttamente nel caso intuiste che alcuni commenti ritardano ad essere approvati… E’ possibile che stia dormendo!

  5. Claudio ha detto:

    Yes! Ma infatti si scherzava… Il blog del Makkekomiko è liberissimo! Anzi, vorremmo che fosse il regno del pensiero libero (purchè sia, appunto, “pensiero” e non un urlo belluino).
    Tornando all’intervento di Stefano, per chiarezza per i posteri: 1 – si, purtroppo da noi gli effetti dei cortei non sono permanenti… Anzi, per i TG il più delle volte neanche esistono!
    2 – ottima la precisazione sulla circoncisione che su Ahmadinejad calza perfettamente! Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...