PITBULL CHE ODIANO LE DONNE

Pubblicato: 19 luglio 2010 in "SUPPOSTE DI PRESENTE" di Claudio Fois

Numero quarantatre                                                                                                          Lunedì 19 Luglio 2010

L’autore si assume pienamente la responsabilità di quanto appresso riportato e solleva totalmente da qualunque onere il blog che lo ospita.

SUPPOSTE DI PRESENTE

Rubrica di pensieri e parole, riflessioni ed osservazioni sul mondo circostante

con lo scopo di far conoscere ai posteri com’era la nostra epoca e cosa si sono persi.

PITBULL CHE ODIANO LE DONNE

Cari, posteri è successo questo.

E’ successo che da qualche tempo sono felice che i pitbull siano tutti diventati erbivori, che gli anziani non muoiano più a causa della canicola estiva e che i romeni si siano dati alla masturbazione anche se mi dispiace un po’ per il Vaticano che con tutti i problemi che ha in questo periodo, mettersi pure appresso alle pippe degli immigrati nel nostro Paese proprio non gli ci voleva!

Viceversa, cari posteri, mi spiace che se da una parte i pitbull sono rinsaviti, dall’altra purtroppo sono impazziti gli “ex” che ogni giorno, da qualche mese, hanno preso ad accoltellare le donne da cui sono stati lasciati oppure, nei casi più assurdi, con cui la storia non è neanche mai cominciata. (La follia sta nel fatto che in un uomo è normale che gli istinti omicidi prendano corpo quando è sposato ma uccidere una donna che ci ha lasciato liberi dalla tirannia femminile, anziché riconoscerle un premio, è davvero pazzia pura!).

Per correttezza, cari posteri, è meglio che chiarisca che di quanto sopra affermato non ho prove certe ma è ciò che si deduce leggendo i quotidiani e guardando i TG.

Non meno di un anno fa ogni giorno un pitbull azzannava un bambino, un anziano moriva fatto “alla diavola” dal sole estivo ed un branco di romeni stuprava una donna, poi di colpo di tutto ciò non se ne è avuta più notizia mentre in compenso è iniziato un fioccare di delitti passionali senza precedenti.

Qualche malizioso (si, cari posteri, sappiate che ci sono!) insinua che gli organi di informazione (compresa la laicissima Repubblica) cavalchino il genere di notizia che “tira” in quel momento per cui in realtà sono solo i media che, evidenziando una cosa piuttosto che un’altra, alla fine fanno sembrare che il mondo (o una certa categoria umana o animale) sia impazzito. Vogliamo credere che sia così cari posteri?

Vogliamo credere che delitti, terremoti, cattiverie varie e “caldo record” ci siano sempre stati, solo che di volta in volta se ne evidenzia enfaticamente la presenza per fare sensazione? E vogliamo anche credere che viviamo in tempi migliori del passato perché visto che cose efferate come per esempio stupri da parte dei mariti verso le mogli ci sono sempre state ma oggi siamo più fortunati perché si tengono meno nascosti mentre prima in nome di una assurda “sacralità” del matrimonio non si diceva niente? Ma si, crediamoci!

E allora a questo punto, cari posteri, in attesa di fare tutti un salto evolutivo, di civiltà ed educazione per cui di delitti e disgrazie non se ne avrà più notizia semplicemente perché davvero non accadono, concludendo spero che le donne denuncino sempre di più i reati nei loro confronti e che ciò diventi una “moda” permanente, e spero anche che i pitbull che ce l’hanno con le donne per avergli loro malgrado “rubato la scena” sulle prime pagine e in TV, se ne facciano una ragione e amen!

Questo, cari posteri, per oggi è tutto. Con affetto il vostro antenato Claudio Fois

Link consigliato: pagina di Facebook che fa le pulci all’attualità: Metilparaben. Arguta ed interessante necessita solo di un po’ di tempo da spenderci.

http://www.facebook.com/home.php#!/pages/Metilparaben/39595445128?ref=ts

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...