La pummarola

Pubblicato: 13 settembre 2010 in "SUPPOSTE DI PRESENTE" di Claudio Fois

Numero cinquantuno                                                                                                         Lunedì 13 Settembre 2010

L’autore si assume pienamente la responsabilità di quanto appresso riportato e solleva totalmente da qualunque onere il blog che lo ospita.

SUPPOSTE DI PRESENTE

Rubrica di pensieri e parole, riflessioni ed osservazioni sul mondo circostante

con lo scopo di far conoscere ai posteri com’era la nostra epoca e cosa si sono persi.

LA PUMMAROLA

Cari, posteri è successo questo.

E’ successo che gli italiani, ultimi in buon senso, educazione, cultura, tolleranza, ingegno, insomma tutto, si stanno invece sorprendentemente dimostrando abilissimi nel praticare quella raffinatissima strategia animale chiamata “tanatosi”. Ma non vorrei essere troppo criptico, cari posteri, per cui procediamo con ordine.

La cosa parte con Miss Italia, in onda in questi giorni (e colpevolmente ignorata da Amnesty International), il cui principale demerito è far segnare un mezzo punto a quel cisposo di Gheddafi quando dice che nell’Islam le donne sono più rispettate che in Occidente. Seconda cosa, e più importante, è una pubblicità del sugo Cirio che ha come colonna sonora “O Paese d’ ‘o sole” e il cui testimonial è Gerard Depardieu, un monumento umano al colesterolo che ben rappresenta la dieta mediterranea nel senso che ha preso tutti i paesi del Mediterraneo e se l’è magnati per intero!

Ebbene, cari posteri, “O paese d’ ‘o sole” (di Bovio – D’Annibale) è una canzone che ha ben 85 anni ed unitamente al sugo, a Miss Italia e agli spot di Dolce & Gabbana (in cui c’è sempre la Bellucci con giovanotti in canotta e coppola) dimostra che l’immagine degli italiani si è freezata per sempre così, immutabile ed immarcescibile, ad un’epoca in cui le cui pitture rupestri s’erano appena asciugate!

Ora, direte voi cari posteri, possibile che gli italiani, con un moto d’orgoglio, non si ribellino a tutto ciò? Ed è qui che scatta la furbizia della tanatosi, ovvero l’arte di fingersi morti che in natura certi animali usano per sopravvivere.

Se svelassimo che non siamo più quelli ci metteremmo inevitabilmente nella condizione di dover dimostrare cosa allora siamo d’altro e sarebbero guai perché in un mondo in cui c’è Skype, la “realtà aumentata”, il tramonto del cattolicesimo, l’I-Pad, le nanotecnologie e i low-cost noi non abbiamo nulla in cui siamo eccellenti e che ci permetta di distinguerci. Qual è la nostra immagine oggi? Anziché di latin lover è quella dei più grandi puttanieri del pianeta che fanno turismo sessuale in Thailandia, in Croazia e in Brasile tra l’altro perché costa pure meno! O l’immagine da buffone-cafone di Berlusconi. O l’immagine di Bossi ovvero un uomo che pensa per rutti e il cui cervello è capace solo di produrre borborigmi giacché al posto della materia grigia ha un pezzo di colon e che nonostante ciò, però, è il leader del secondo più grande partito di governo!

E allora meglio l’oblio. Ed ecco che la scelta di accettare che noi per primi ci si dipinga così come ci rappresentano gli stranieri (cfr. il film “Mangia, prega, ama” con Julia Roberts), vale a dire fingersi morti, risulta quantomeno geniale. Si, noi italiani siamo così, abbiamo solo questo: la pummarola! E’ triste, lo so, ma datemi retta, cari posteri, allo stato attuale ci conviene ammettere che noi siamo ancora quegli italiani là: ci eviterà che una Nazione extraterrestre decida per pietà di far piombare sul nostro popolo un enorme cuscino grande come tutto lo Stivale che ci pratichi l’eutanasia alla maniera dell’indiano di “Qualcuno volò sul nido del cuculo”!

Questo, cari posteri, per oggi è tutto. Con affetto il vostro antenato Claudio Fois

Link consigliato: Lo spot Cirio “incriminato”.

Annunci
commenti
  1. accantoalcamino ha detto:

    Questo post me lo sono goduto tutto stamattina nella mail di notifica, spero che lo leggano tutti….buona settimana.

  2. Claudio Fois ha detto:

    Ma grazie!.. Speriamo!.. Non so se da qui si può condividere (semmai si può fare copia e incolla e poi pubblicare da qualche altra parte) in ogni caso c’è anche un gruppo su Facebbok e da lì condividere è un attimo. Ciao!
    Claudio

  3. chabb ha detto:

    Dimmi pure il gruppo di FB perchè tutto ciò va condiviso oppure dimmi se posso fare il copia incolla, ci terrei davvero!
    Salviamoci la pelle finchè saremo in tempo!!
    Grazie Claudio e buona serata!

  4. Claudio Fois ha detto:

    Il gruppo è omonimo: “Supposte di presente” (occhio che ho fatto anche un profilo come “persona” ma su quello giusto c’è scritto “gruppo”) dove pubblico gli stessi pezzi. Fare copia e incolla va benissimo purchè da qualche parte, per cortesia, citi l’autore. Per ciò che riguarda salvarci la pelle non so se ci riusciremo (anche se sono un ottimista cosmico) ma almeno di fronte ai posteri possiamo dire che noi ci abbiamo provato!
    Ciao e grazie ancora per l’apprezzamento e buon tutto a te!
    Claudio

  5. SuzieD ha detto:

    Ottimismo cosmico?!? ma qui è una tragedia e la “tanatosi” per quanto geniale il tuo post, mi spaventa ogni giorno di più!

  6. Claudio Fois ha detto:

    @SuzieD. Ma no, suvvia! Intanto grazie per il complimento però non facciamoci prendere dal panico.
    Esempio: il Grande Fratello lo guardano in 8 milioni. Ce ne saranno altri 8 che lo schifano? Ovviamente si, anzi sono mooolti più. Il popolo italiano non è quello degli spettatori.
    Altro esempio: l’attuale maggioranza ha vinto di pochissimo scarto (sono anni che l’Italia è divisa in due). Quando Berlusconi dice “eletto dal popolo” esercita solo la sua abilità di menzognero veditore di spazzole porta a porta che gioca sulle parole (realmente l’ha votato solo una parte degli aventi diritto al voto).
    Insomma niente panico ma mai abbassare ala guardia e… speriamo che la Cirio veda calare le vendite proprio a causa dello spot! Sarebbe un bel segnale! Ciao! Grazie.
    Claudio

  7. Stefano G. ha detto:

    Il tuo articolo svela il motivo della presenza di dolce&gabbana: abbiamo bisogno di profumi che mascherino l’odore di cadavere.
    Gran bel post! =)

    Stefano

  8. Claudio Fois ha detto:

    Grazie Stefano! Si: è un’altra furbizia del mondo animale. L’ho scoperto col mio cane, (uno Yorkshire, in origine una razza da caccia) che una volta si è strofinato su una carogna di piccione per mascherare il suo odore (per la cronaca una cosa allucinante: per pulirlo l’abbiamo quasi dovuto rasare!). Ovviamente non c’era motivo, gliel’ha detto l’istinto… un po’ come gli italiani che spesso fanno le cose così, senza sapere perchè!
    Ciao! Claudio

  9. Mattia ha detto:

    Tantosi, l’espediente migliore che l’italia è riuscita a trovare per nascondere la verità! l’hai smascherata! ora fingerà di essere in coma farmaceutico per nascondere il coma celebrale!

  10. Claudio Fois ha detto:

    Ciao Mattia! Grazie e benvenuto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...