Archivio per maggio, 2011

Numero 11                                                                                                           Venerdì 27 Maggio 2011

MAKKE Bon Bon

Rubrica di cucina dedicata alla creazione e realizzazione di dolci, biscotti, crostate, torte, mousse, ma soprattutto alla preparazione di tutto quello che la vostra fantasia riesca ad immaginare…

Bon Bon appètit

Ancora oggi

(Alessandra Buonasorte)

Questa è la storia di Annamaria.

Annamaria ha circa 40 anni, cerca lavoro come donna delle pulizie e babysitter. Un dottore molto conosciuto in città ha appena avuto un bambino, e ha bisogno di un aiuto per sua moglie. Tramite una conoscenza comune, i due entrano in contatto, e Annamaria va a conoscere la famiglia. Il piccolo le piace molto, la famiglia vive in una bella casa in centro città, lo stipendio è buono. Annamaria vorrebbe accettare subito, ma ha preso un altro appuntamento per il pomeriggio presso un’altra famiglia, e quindi dice che chiamerà per dare la risposta definitiva.

Alle 16.00 dello stesso giorno suona il campanello dell’abitazione della signora Alba-Rosa, che da poco ha avuto una bambina, e che vorrebbe rientrare al lavoro lasciando la piccolina in mani fidate. Il portone si apre, Annamaria comincia a fare le scale per arrivare al terzo piano. Arrivata quasi in cima alza lo sguardo e vede una bambina bionda bionda in braccio a suo nonno. Istantaneamente, si dimentica di tutto: dell’incontro con l’altra famiglia e dello stipendio promessole.

Entra in quella nuova casa e dice sì.

Un si lungo 12 anni.

Ancora oggi Annamaria racconta di come quel giorno si innamorò di quella bambina.

Ancora oggi Annamaria racconta di quella volta in cui la piccolina, stanca di prendere il biberon, infilò le sue piccole dita nei rigatoni al sugo e cominciò a mangiare felice e contenta.

Ancora oggi racconta di quando alle recite scolastiche la bambina diceva a tutti che lei era la sua tata, ma anche la sua nonna.

E che paura e che risate quella volta che, di ritorno a casa in motorino, una cornacchia la inseguì volandole sopra la testa!

Ancora oggi Annamaria racconta di quando, appena pulita casa, non voleva che si “incignasse” il lavandino, per farlo trovare pulito ad Alba-Rosa al suo ritorno.

Ancora oggi la bambina si ricorda di quando a casa della sua tata mangiava i biscotti al cioccolato, o gli ovetti di cioccolato con la sorpresa dentro, o i cioccolatini scelti dalla scatola che ne conteneva infinite varietà, o il gelato che nel frigo non mancava mai.

E poi Athos, Walter, Daniela, Elisabetta e Vicky.

Annamaria non c’è più, ma io ancora oggi la sento raccontare.

Tata, questa sacher è per te.

Sperimentate, assaggiate, gustate e condividete!

          A.B.

Ricetta Sacher

****** INGREDIENTI ******

Sacher:

1 vasetto marmellata di albicocche

5 uova intere

150g zucchero

100g farina

40g cacao amaro in polvere

10g lievito

50g mandorle

25g burro

Ganache:

150g cioccolato fondente

100g panna

****** PREPARAZIONE ******

Sacher:

Mescolare le uova intere con lo zucchero. A parte mescolare la farina, il lievito, il cacao e le mandorle tritate. Unire i due impasti e aggiungere il burro fuso (freddo). Cuocere a 180° per 30 minuti.

Ganache:

Mettere la panna liquida sul fuoco portandola quasi ad ebollizione. Aggiungere il cioccolato a fuoco spento e mescolare.

Sfornare il dolce, farlo raffreddare, dividerlo in due e farcirlo con la marmellata, sia all’interno che all’esterno. Ricoprire con la ganache e conservare in frigorifero.

****** DECORAZIONE ******

Volete essere classici? Scrivete Sacher e fate qualche ghirigoro .

Volete essere moderni? Usate il cioccolato bianco per decorare la glassa scura e lucente.

****** ABBINAMENTO VINO ******

Per la “sacher torte” consiglio un Aleatico di Gradoli, che si abbina perfettamente al gusto del cioccolato.

Bon Bon appètit

Numero 10                                                                                                          Venerdì 13 Maggio 2011

MAKKE Bon Bon

Rubrica di cucina dedicata alla creazione e realizzazione di dolci, biscotti, crostate, torte, mousse, ma soprattutto alla preparazione di tutto quello che la vostra fantasia riesca ad immaginare…

Bon Bon appètit

Punti di vista

(Alessandra Buonasorte)

Un giorno perfetto (Alessandra)

Un viaggio.

900 Kilometri.

Pisa – Martina Franca.

Una Yaris Blu.

Una partenza, un punto di arrivo.

Una socia come tappa intermediaria.

Un regalo di compleanno dolce, dolcissimo.

Gli ingredienti non sono la caratteristica peculiare soltanto delle ricette; a volte, anche una giornata è fatta di ingredienti, di tanti piccoli dettagli, che, messi insieme, danno vita a 24 ore degne di essere vissute, tanto semplici quanto uniche. La socia sono io, la Yaris Blu è la macchina del mio amico Vito, con il quale ho condiviso gli anni dell’Università e gli esami più difficili, come due “soci”. Lui, pugliese, tornato alle radici dopo gli studi; io, toscana trapiantata a Roma. Il 5 dicembre 2010, giorno del suo compleanno, lui si trova casualmente ad intraprendere il viaggio di ritorno da Pisa a Martina. Decide di passare a trovarmi, io decido di fargli una sorpresa speciale. La “torta bacio” è un dolce di cioccolato, ripieno di crema al cioccolato, ricoperto da una glassa al cioccolato. La cosa più cioccolatosa del mondo, insomma. E, ne sono certa, non c’è persona al mondo che adori il cioccolato più di lui. Non a caso è il mio migliore amico. Inoltre, sul cucuzzolo del dolce, troneggia un bacio perugina, e il bacio, la mia ciliegina sulla torta personalizzata, rappresenta benissimo il mio affetto incondizionato. E’ tutto molto semplice, quasi banale: mentre io preparo la torta lui attraversa la Toscana e approda nel Lazio; al suo arrivo nella capitale è tutto pronto e confezionato, fiocchetto compreso! Passiamo un po’ di tempo insieme, poi lui riparte con il suo piccolo tesoro. Il bello viene dopo, quando, arrivato in terra natia, mi manda questo sms: “Fare 900 km il giorno del proprio compleanno per abbracciare tutte le persone importanti, l’amico a Follonica, la socia a Roma, la famiglia a Martina: that’s the sense of life!”

Un viaggio perfetto (Vito)

Quando si organizza un viaggio in macchina che ci porterà da un’estremità all’altra del nostro bel paese ci sono un sacco di cose da chiedersi:

1.     Quanto durerà?

2.     Quanto mi costerà?

3.     Qual è la strada migliore?

4.     Cosa devo assolutamente portare con me?

5.     In quale punto del viaggio incontrerò qualcuno che mi regalerà un dolce al cioccolato?

Io ho sempre una risposta ben precisa; almeno alla domanda n°5.

Il viaggio in questione parte all’ombra del campanile più storto e più famoso del mondo e termina nel cuore della Puglia in un posticino in collina a metà strada tra due mari.

Lo scopo della mia visita a Pisa recava con sé un po’ di malinconia: finire il trasloco dopo l’università. Anni di esperienze e di vita chiusi in scatole e scatoloni impilati in un portabagagli.

Fortuna che dovevo organizzare il viaggio perfetto.

La seguente è la sua storia, ed è una storia che parte 24 ore prima dell’arrivo.

-24.00h: Macchina pronta, motore acceso, partenza!

-23.00h: Do un passaggio ad Enrico, il collega di università col quale ho passato gran parte dei miei giorni da studente. Direzione Follonica.

-21.00h: Serata a spasso per la “movida” follonichese.

-17.00h: A nanna presto (più o meno) domani si guida.

-12.00h: Colazione con Enrico, un abbraccio e via.

-11.59h-07.00h: I paesaggi della Maremma e dell’Alto Lazio mi accompagnano fino alle porte di Roma.

-06.00h: Ecco Alessandra.

-05.59h: Ale, dov’è il mio dolce?

Alessandra è la mia socia. Abbiamo cominciato a studiare insieme Diritto Privato senza praticamente conoscerci; una mattina per rompere il ghiaccio la salutai dicendole: “ Buongiorno alla mia socia di studio di Diritto Privato”, e da allora la nostra società è più salda che mai.

-05.58h: Eccola li…….La Torta Bacio: un dolce di cioccolato, ripieno di crema al cioccolato, ricoperto da una glassa al cioccolato. La cosa più cioccolatosa del mondo, insomma, il riassunto di tutte le cioccolosità, la madre di tutte le delizie, il padre di ogni golosità, l’antenato di tutte le dolcezze, pronta per essere rapita dalle mani della sua creatrice ed essere consegnata in quelle del più entusiasta tra i golosi.

-04.59h: Abbraccio la socia e vado.

-04.58h: Il profumo di cioccolato invade tutto ciò che mi circonda.

-04.57h: Un assaggino?

-04.56h: Fermezza e forza di volontà… c’è da guidare…

-04.55h- 00.10h: Lazio, Campania, infine Puglia. Il Sole scende sotto l’orizzonte e i chilometri restanti scendono sotto i 200, i 100, finalmente 10. Sono a casa.

-00.05h: I miei genitori mi accolgono con un abbraccio.

-00.01h: Rapidissima cena e poi la confezione che ricopre la mia Torta Bacio si apre……

Il mio viaggio perfetto è concluso.

Ahhh… dimenticavo….

Oggi è il 5 dicembre 2010, il mio compleanno, le persone più importanti della mia vita vivono a 1000 km di distanza una dall’altra ma io, grazie ad un viaggio perfetto, oggi, le ho abbracciate tutte.

Sperimentate, assaggiate, gustate e condividete!

Alessandra Buonasorte,

per passione Buonetorte

Ricetta della Torta Bacio

 

 ****** INGREDIENTI ******

Pan di Spagna al cioccolato:

5 uova

125g zucchero

100g farina

50g cacao in polvere

Bagna:

250g acqua

325g zucchero

Mousse al cioccolato:

(vedi ricetta pubblicata articolo numero 3)

Glassa al cioccolato:

150g cioccolato fondente

100g panna

****** PREPARAZIONE ******

Pan di Spagna al cioccolato:

sbattere le uova e lo zucchero con le fruste elettriche, aggiungere la farina e il cacao e mescolare fino a quando l’impasto non risulterà spumoso. Versare in una teglia e cuocere a forno ventilato a 180° per almeno 30 minuti.

Bagna:

mescolare insieme i due ingredienti a fuoco medio; fare bollire per 3-4 minuti e poi far raffreddare.

Glassa al cioccolato:

scaldare la panna liquida sul fuoco e aggiungere il cioccolato fondente, mescolando per amalgamare.

Rivestire uno stampo (meglio se di forma semisferica, come quella dello zuccotto) con il pan di spagna al cioccolato, bagnarlo con la bagna, riempirlo di mousse al cioccolato. Chiudere con un altro strato di pan di spagna al cioccolato e bagnare nuovamente. Mettere in freezer per una notte. Ricoprire con la glassa al cioccolato.

****** DECORAZIONE ******

Questo dolce a me piace semplice con la glassa liscia e lucente, oppure ricoperto di noccioline tritate!

A voi la scelta!

****** ABBINAMENTO VINO ******

Ferrari Spumante Brut, dal gusto frizzante con tratti amari e decisi, in perfetta contrapposizione con la dolcezza del cioccolato.

Bon Bon appètit