Numero novantuno                                                                                          25 luglio 2011

 

L’autore si assume pienamente la responsabilità di quanto appresso riportato e solleva totalmente da qualunque onere il blog che lo ospita.

SUPPOSTE DI PRESENTE

Rubrica di pensieri e parole, riflessioni ed osservazioni sul mondo circostante

con lo scopo di far conoscere ai posteri com’era la nostra epoca e cosa si sono persi. 

GIOCHI CON LE FRONTIERE

E dunque, cari posteri…

Tutto si può dire tranne che le istituzioni non si preoccupino dello svago e di mantenere sana la mens dei più sfortunati sopratutto laddove spesso il corpore, purtroppo, più di tanto non lo è. Per questo motivo, in molte situazioni le autorità competenti hanno ideato delle prove come nel celeberrimo “Giochi senza frontiere” di qualche anno fa. Scopo del gioco: ottenere dei pannoloni per una persona di 90 anni, con difficoltà di deambulazione. Il percorso da fare è molto articolato e ricco di stimoli per esercitare la scaltrezza, la pazienza e le tecniche di strategia per ottenere così l’ambìto premio unitamente alla grande soddisfazione di non averlo avuto come un regalo piovuto dal cielo ma di averlo duramente e meritatamente conquistato.

Confesso, cari posteri, che di fronte a cotanta allettante prospettiva viene il desiderio di essere colpiti da una qualche disabilità per poter godere della gioia del premio! Ecco, cari posteri, il cartello affisso in un ufficio a cui si rivolgono persone malate e bisognose, per la precisione l’Ufficio di medicina legale di via Casilina 395, Roma.

Come vedete, anziché funzionare col massimo delle agevolazioni, cioè tutti i giorni, soprattutto il sabato (quando i familiari son liberi dal lavoro) mattina e sera, l’ufficio offre l’opportunità di partecipare ad un intrigante gioco dove il comune cittadino, per far valere il proprio diritto (già strapagato tramite versamento delle tasse) deve aguzzare la vista, allenare l’ingegno, mettere alla prova i riflessi mantenendosi in questo modo attivo e rifuggendo dalle mollezze dell’agiata vita occidentale. Forse non ci sono fondi, forse non c’è la volontà politica, ma tant’è che nel caso uno avesse bisogno può essere certo che non si annoierà… alla faccia dello scontato, prevedibile e poco stimolante Nord Europa. Questo, cari posteri, per oggi è tutto. Con affetto

il vostro antenato Claudio Fois

 Link consigliati: sigla di Giochi senza frontiere.

http://www.youtube.com/watch?v=gxA1VSNrxvw

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...