Numero centoquattro                                                                                      Lunedì 17 ottobre 2011

L’autore si assume pienamente la responsabilità di quanto appresso riportato e solleva totalmente da qualunque onere il blog che lo ospita.

SUPPOSTE DI PRESENTE

Rubrica di pensieri e parole, riflessioni ed osservazioni sul mondo circostante

con lo scopo di far conoscere ai posteri com’era la nostra epoca e cosa si sono persi.

SEQUESTRO DI NAZIONE

E dunque, cari posteri…

Se un giorno dallo spazio remoto, come succede per la luce di stelle ormai estinte da ere, insieme al rumore di fondo del cosmo doveste captare l’eco flebile di una richiesta d’aiuto, non lambiccatevi: è quello di circa una sessantina di milioni di italiani sequestrati e molti, per di più, vittime della sindrome di Stoccolma. Aiuto!

E’ stato tutto chiaro sabato scorso quando Silvio Berlusconi ha incassato la fiducia e i deputati (che il premier può detrarre come spese sanitarie nell’accezione “elementi d’arredo bagno”) hanno regolarmente incassato l’assegno: da questo incubo non se ne esce. Anche perché fuori, minacciosa, c’è la Democrazia Cristiana incombente, che è un po’ come scappare da Hannibal Lecter per finire tra le braccia di Jason. La Sinistra qualcosa sta tentando, infatti l’Opposizione il giorno prima della fiducia, durante il discorso del Cavaliere, ha protestato uscendo dall’aula ma è ancora incerto se si sia trattato di un principio di reazione o di un naturale spasmo nervoso post mortem. Per la cronaca, durante il discorso Bossi ha sbadigliato tutto il tempo, segno di stanchezza che merita un lungo riposo. Donaglielo, o Signore.

Ma non tutti, cari posteri, accettano passivamente di stare legati ed imbavagliati in attesa che i banditi si addormentino o arrivi qualcuno a liberarci, perché mentre in Parlamento se la cantano e se la suonano, per strada IN TUTTO IL MONDO la gente s’indigna, manifesta e di conseguenza, purtroppo, non rimane a casa a guardare dei programmi come “Me lo dicono tutti”, “Star Academy” e “Baìla” che per questa incresciosa coincidenza vengono chiusi anticipatamente. Il fatto, poi, che provocassero dissenterie imbattibili anche con dosi massicce di Imodium è solo un caso.

La manifestazione degli indignati a Roma, (e SOLO a Roma, guarda un po’) è stata rovinata dai Black Bloc apparsi “misteriosamente” con tutta probabilità dalle fogne, loro habitat naturale, riuscendo a distogliere l’attenzione (in prestidigitazione si chiama “misdirection”) e per fortuna non c’è scappato il morto, segno che le prossime volte si possono evitare spargimenti di sangue tanto l’effetto lo si ottiene lo stesso.

La giornalista di Raitre, Bianca Berlinguer, nello speciale sull’evento, avrà ripetuto un centinaio di volte che le “prime vittime degli scontri sono stati i manifestanti che non hanno potuto portare a termine il corteo”, ma noi non perdiamo la calma, cari posteri, le ragioni della manifestazione (crisi nera, ripugnanza della classe politica, saturazione della tolleranza verso il vero cuore del problema ossia le banche) restano e noi piano piano stiamo tagliando i legacci che ci serrano i polsi mentre, come nei film, il rapitore imbecille guarda la TV o se la spassa pensando di essere al sicuro.

Questo, cari posteri, per oggi è tutto. Con affetto il vostro antenato Claudio Fois

P.S. Per chi non se ne fosse reso conto stiamo vivendo un’epoca pari alla Rivoluzione francese o al ’68. Il mondo sta cambiando sul serio, non aspettate di leggerlo sui libri, vivetelo!

Link consigliato: Woody Allen sequestrato in “Broadway Danny rose” – 1984.

http://www.youtube.com/watch?v=jHs90FzHjP4&feature=BFa&list=PLCD861466C9356552&lf=results_main

Annunci
commenti
  1. bruno lomele ha detto:

    Violenza? Cosa?
    No … tutto, ma la violenza no! Certo!
    … Sono d’accordo ….
    Assolutamente …
    Solo… se mi permette ….
    … Mi scusi se l’importuno …
    Potrei gentilmente chiederle una cosa?
    No … volevo chiederle … se volesse essere così cortese…
    si… ecco… se volesse avere la gentilezza di …
    come dire…
    ecco… smettere di sodomizzarmi …
    Si …
    Come dice?
    Ah … ne parliamo dopo ….
    Bè si certo …. mi rendo conto …
    Ora è occupato.
    Capisco… non è il momento …
    Allora … niente …. mi scusi sa ….
    Un ultima cosa ….
    Mi perdoni ….
    non è che le dispiace se mi appoggio ….
    sa .. l’età …
    problemi di lombare.

    Da Radio Sindrome di Stoccolma
    Cronache di un sequestrato : )

    Dubitoergosum

  2. Claudio Fois ha detto:

    Great! Grazie, ciao!
    Claudio 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...