Numero centosei                                                                                              Lunedì 31 ottobre 2011

 L’autore si assume pienamente la responsabilità di quanto appresso riportato e solleva totalmente da qualunque onere il blog che lo ospita.

SUPPOSTE DI PRESENTE

Rubrica di pensieri e parole, riflessioni ed osservazioni sul mondo circostante

con lo scopo di far conoscere ai posteri com’era la nostra epoca e cosa si sono persi. 

E’ UN RAFFREDDORE

 E dunque, cari posteri…

Qualche giorno fa una mozione votata alla Camera ha cancellato definitivamente l’insano progetto del Ponte sullo stretto di Messina con la conseguenza che la Mafia ha chiesto una lettera di intenti al governo per un piano di rientro del mancato guadagno. Comunque, per qualcuno che c’è rimasto male, altri sono stati contenti come ad esempio La Russa che per festeggiare il risparmio di parecchi miliardi ha acquistato diciannove Maserati blindate per trasportare altrettanti generali. Considerato che gli Arbre Magique erano in omaggio e calcolando poi che per coprire la puzza di marcio ce ne son voluti una tonnellata, alla fine i bolidi son venuti via praticamente regalati.

E mentre la Natura s’accanisce sul nostro mondo per cui la Liguria è stata colpita da un’alluvione con grosso sgomento di tutti, ed in Turchia un terremoto ha causato centinaia di morti dove i media hanno reagito con un unanime e sentito: “Ah sì?”, all’interno del PD c’è in atto una summa di entrambe le catastrofi poiché un giovane di nome Matteo Renzi vuole svecchiare la dirigenza proponendo nomi freschi e più moderni sistemi per mandare a picco il partito in modo innovativo e fantasioso.

Ma la cosa notevole che sta per accadere a breve, cari posteri, è la perdita in contemporanea di migliaia se non milioni di posti di lavoro a causa di Silvio Berlusconi.

Ebbene sì, tra poco il patetico pene col premier intorno finirà la sua parabola trascinando con sé la folla di satirici, vignettisti, battutari, blogger, autori improvvisati o professionisti che rimarranno a spasso e purtroppo senza neanche la soddisfazione di essere stati la causa della fine di questo orribile, mortificante periodo storico.

A leggere le riviste di satira come la versione attuale del “Male”, l’inserto del “Fatto” o il neonato “Ruvido”, oppure consultando Spinoza sul web o guardando gli ultimi sprazzi di satira in TV ci si rende conto che il materiale di partenza è sempre il Cavaliere, che ahinoi non è vittima della satira ma ne è il motore immoto da vent’anni. Per carità, è giusto provarci e tenere duro, ma quando cadrà o se ne andrà lo farà da solo, perché se non è accaduto finora dopo tutto quello che ha detto e fatto vuol dire che l’Italia e gli italiani sono davvero diversi da ogni altro popolo “normale”. C’è un vecchio detto, cari posteri, per cui il raffreddore “se lo curi dura una settimana, se non lo curi dura sette giorni” ed infatti per quante ricerche la scienza abbia effettuato, non ha ancora trovato il sistema per sconfiggerlo. E questo è Berlusconi. Non, come erroneamente dicono i più strenui detrattori, una metastasi del nostro paese o una cancrena che ha attaccato la nostra cultura fino a necrotizzarne le radici, bensì un semplice raffreddore: nessuno è immune, non è grave per cui lo si prende sotto gamba, si sopravvive pur con tutti i disagi che comporta, è contagioso, odioso, imbarazzante ma soprattutto non c’è rimedio. Comunque come ogni raffreddore per fortuna passerà e ringraziando il cielo non mancano molti starnuti. Etcì! Eccolo…

Questo, cari posteri, per oggi è tutto. Con affetto il vostro antenato Claudio Fois.

Link consigliati: Un classico di Totò (da “Totò, Fabrizi e i giovani d’oggi”)

http://www.youtube.com/watch?v=JLjaVD5OV3g

“La morte dell’impiegato” di Anton Cechov

http://digilander.libero.it/dlpasquale/cechov.pdf

Annunci
commenti
  1. Valentino ha detto:

    Bravo Claudi bella riflessione, niente da dire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...