Archivio per maggio, 2012

Numero 1                                                                                                              Mercoledì 16 Maggio 2012

MAKKE Post

Rubrica dedicata alla terapia medica di riabilitazione che con pratici consigli permette di utilizzare in modo autonomo mezzi fisici come la ginnastica e il massaggio.

Cos’è la postura.

( Dott.ssa Laura Vinciguerra ) 

Miei cari lettori,

in questo mio primo appuntamento vorrei iniziare a parlare di postura, cominciando a dare un paio di definizioni:

“Come postura si intende la posizione del corpo nello spazio e la relativa relazione tra i suoi segmenti corporei. La postura può essere: in stazione eretta (monopodalica o bipodalica), da seduto, in decubito (prono, supino, laterale).” (Wikipedia, l’enciclopedia libera)

“…la postura è espressione di un vissuto ereditato, di un vissuto personale, della formazione e deformazione culturale, di memorie dei propri traumi fisici ed emotivi, del tipo di vita e di stress che conduciamo, del tipo di lavoro e di sport a cui ci siamo assoggettati nel tempo; postura è il modo in cui respiriamo, il mondo in cui stiamo in piedi, ci atteggiamo e ci rapportiamo con noi stessi e con gli altri. La nostra postura è espressione della nostra storia”. (D.Raggi, 1998)

La prima definizione mi è stata trasmessa in aula, durante il mio percorso universitario per il conseguimento della laurea in fisioterapia, mentre la seconda definizione vuole dare una visione olistica del concetto di postura su cui mi vorrei soffermare e attirare anche la vostra attenzione.

Premessa: Il nostro complesso sistema posturale è l’insieme di strutture facenti parte del sistema nervoso centrale e periferico come l’occhio, i muscoli e il sistema cutaneo, il piede, le articolazioni, il sistema stomatognatico (che comprende le funzioni di fonazione, masticazione e deglutizione) e l’orecchio.

Il sistema nervoso centrale utilizza le informazioni ricevute da occhio, pianta dei piedi e cute in primo luogo, per avere la consapevolezza della posizione del corpo e trasmetterle nei confronti del mondo esterno e di se stesso.

E’ comune che il sistema posturale, legato alla nostra storia ed al vissuto personale di ognuno di noi, con il passare del tempo vada incontro a modificazioni e problematiche ed attuerà dei compensi  (una spalla più alta dell’altra, rotazioni del bacino, atteggiamenti scoliotici, scorretto appoggio plantare, ecc.) fino a quando tali capacità compensatorie del nostro corpo si interromperanno, e compariranno le prime avvisaglie patologiche.

A questo punto, tale sistema, infastidito dai vari compensi, vedrà insorgere tutte le problematiche più comuni (cefalee, cervicalgie, dorsalgie, lombalgie, lombosciatalgie, nevralgie, dolori muscolari ed articolari, difetti di masticazione) ma anche altri disturbi quali la difficoltà di guidare la notte o mancanza di concentrazione, di attenzione, click mandibolari ecc.: queste sono tutte patologie che complicano e condizionano notevolmente la vita quotidiana e, di conseguenza, anche la nostra psiche.

E’ fondamentale a questo punto, dopo aver preso coscienza di tutto ciò, agire ai vari livelli per correggere e tentare una riprogrammazione del “sistema posturale”.

Concludo questo mio articolo facendovi notare che la postura che spesso vediamo assumere testa bassa e spalle anteposte, talvolta può essere la conseguenza di una nostra sottomissione ad una vita difficile e problematica. Non basta dire “stai dritto con le spalle” bisogna non solo agire (e qui interviene la ginnastica posturale) ma ancora prima reagire, non arrendersi alla vita che ci vuole vedere perdenti.

Un saluto

Dott.ssa Laura Vinciguerra

Annunci

Numero 0                                                                                                            Giovedì 10 Maggio 2012

MAKKE Post

“Rubrica dedicata alla riabilitazione e alla ginnastica posturale con ausilio di consigli pratici sulla postura”.

La postura, perchè su un blog ?

(Mago Mancini)

 Non c’è niente da fare, pensiamo che bisogna risolvere un problema solo quando ci capita quel problema. Eppure qualcuno da piccoli ce lo diceva : « Prevenire è meglio che curare! » e oggi che mi ritrovo alla soglia dei quarantuno anni pieno di acciacchi e doloretti alla schiena, cerco di ricordare il volto di chi me lo diceva. So di aver sempre tenuto una posizione scorretta sia che io fossi seduto o stessi ad aspettare il mio turno in qualche ufficio per qualche pratica, ma credo di imputare la colpa alla mia pigrizia. Sono sicuro che niente è perduto ed allora ho iniziato ad informarmi su come o cosa potevo fare per correggere i miei errori fatti in questi anni. Tutti mi dicono la stessa cosa: «  Bisogna fare ginnastica o praticare uno sport ». Ma se uno non ha tempo? E se uno ha il tempo ma è pigro? Ecco l’idea! Ho conosciuto Laura dopo una serata al MAKKEKOMIKO e dopo due chiacchiere le ho proposto di curare questa rubrica : « MAKKE post ». Post inteso sia come postura, quindi corretta posizione e sia come post it, piccoli e apparentemente inutili fogliettini colorati che ci ricordano qualcosa di importante.

La rubrica per il momento uscirà ogni 15 giorni di mercoledì con articoli tutti dedicati alla fisioterapia. Speriamo possa esservi utile come le altre rubriche all’interno di questo blog .

                                    Mago Mancini 

PRESENTAZIONE

(Laura Vinciguerra)

Salve a tutti mi chiamo Laura Vinciguerra e sono una fisioterapista.

Non è facile presentarmi e potervi spiegare cosa stia facendo su un blog. Dapprima ho pensato che fosse un blog interamente dedicato al Makkekomiko, agli attori, alle persone che ruotano intorno ai comici e soprattutto alle risate, ma poi sbirciando meglio mi sono accorta che gli argomenti trattati erano svariati ed ho pensato che in questo blog non c’è proprio niente da ridere, anzi! Inizio quindi col ringraziare Mago Mancini per avermi dato questa opportunità, e per la disponibilità con cui mi ha saputo accogliere qui!

Stiamo sicuramente vivendo un momento difficile e non vi tedierò parlandovi della crisi, non è mio il lavoro, anche se la crisi ha colpito prima di tutto il lavoro ed i lavoratori, di una cosa mi piacerebbe parlare, della comunicazione tra il dire e il saper ascoltare che tra la gente è diventata  difficile. Quando ho intrapreso questa professione, quella della fisioterapista, avevo ben in mente il mio obiettivo: aiutare la gente che soffre nei suoi problemi di disabilità, traumi e patologie non solo da un punto di vista fisioterapico ma anche da un punto di vista relazionale. La fisioterapia è anche e soprattutto una relazione tra il terapista e il paziente è una collaborazione tra dare e ricevere, è  saper dare fiducia al terapista e impegnarsi a vicenda per risolvere un problema, è saper ascoltare i messaggi che il corpo ci manda per poi affrontarli insieme con il fisioterapista o un’altra figura professionale in ambito sanitario.

Ecco, mi ritrovo in questo blog proprio per fare questo dare dei piccoli consigli sulla postura.

Ecco perchè il titolo di questa rubrica: “MAKKE POST” sarà come scrivere dei piccoli “post” in dei post it da attaccare al frigo oppure da portare con noi nel portafoglio e rileggere durante la giornata quando ne abbiamo bisogno. Tratterò tanti argomenti, ma per il momento non voglio togliervi la sorpresa. Spero possano esservi utili nella vita di tutti i giorni e possano essere degli spunti di riflessione su ciò che siamo e cosa sentiamo. E allora io sono pronta e voi?

Un “post” di saluti!

Laura Vinciguerra