Numero 09                                                                                       Giovedì 24 Gennaio 2013

A PORTATA DI PENNA

di Pierpaolo Buzza

 Logo Pierpaolo Buzza

Rubrica dedicata alla scrittura di storie o meglio di grandi storie, quelle che ognuno di noi sente il bisogno di raccontare. L’autore, Pierpaolo Buzza, attraverso 16 incontri quindicinali con cadenza il giovedì ci darà gli strumenti per imparare a scrivere una bella storia, sicuramente la storia che nasce dentro di noi.
Ricordiamo a tutti che a febbraio verranno attivati i
corsi di scrittura creativa dal vivo tenuti da Pierpaolo a Roma e Anguillara Sabazia! Tutte le info al sito www.pierpaolobuzza.it

– Appunti di scrittura creativa –

9. Show don’t tell
Iniziamo oggi ad affrontare la sezione che riguarda l’uso del linguaggio.

Ci sono sicuramente tante cose da dire su questo argomento, senza contare che molte tecniche dipendono anche dal contenitore in cui vengono messe: uno spettacolo teatrale conterrà un linguaggio diverso da quello con cui sarà scritto un racconto. Come già accennato in precedenza, bisognerebbe conoscere le particolarità del genere che si vuole scrivere.

Tuttavia, esiste qualche costante valida più o meno in ogni occasione. La prima di esse è la pluricitata show don’t tell. In italiano: fai vedere, non dire.
Per esempio: un conto è dire “Elisa era triste”. Diverso è dire “Elisa piangeva”. Ancora diverso è dire “Elisa piangeva con la testa fra le ginocchia, rannicchiata sul pavimento della cucina”.

Nel primo caso non c’è alcuna storia: viene solo nominata un’emozione, che può voler dire tutto e niente. Ma se bastasse nominare un’emozione per farla provare, scrivere sarebbe un gioco da ragazzi.

Nel secondo caso c’è qualcosa di più: l’emozione non viene nominata, ma fatta intravedere. Però l’immagine è ancora troppo vaga affinché dica veramente qualcosa.

Nel terzo caso c’è tutto: non c’è bisogno di nominare la tristezza, perché in una sola immagine è racchiusa tutta la storia che la racconta.
Questo accade perché vale una regola che può sembrare controintuitiva: più il concetto che si è espresso è ampio, meno storia c’è dentro. Più invece il concetto è specifico, preciso, più storia contiene.

Bisogna dunque evitare quella che io definisco la “trappola del concettuale”. Ovvero cadere nella tentazione di nominare le cose, anziché farle vedere.

Chiaramente è molto più difficile descrivere un’emozione, una situazione, piuttosto che nominarla astrattamente. Gran parte dello sforzo autoriale consiste proprio in questo: raccontare storie con ogni immagine.

Uno dei possibili esercizi che si possono fare per allenare questa abilità è scrivere una breve storia che abbia per titolo un’emozione. Ad esempio, “felicità”. Questa storia non può contenere altro che azioni oggettive. Niente aggettivi, niente avverbi, qualità della scrittura ridotta all’essenziale, come se i personaggi della storia fossero dei personaggi di un videogioco, e l’autore potesse muoverli con joystick. In questo modo, si racconterà la felicità in modo molto più efficace rispetto al nominare concetti universali.

Perché quello che ci interessa come narratori non è tanto raccontare la felicità in generale, che è un concetto troppo vago per essere reale; ma la particolare felicità di quella particolare persona, per quel particolare motivo, in quel particolare momento.

Un altro esercizio che allena questa capacità è quello che proponevo qualche settimana fa (https://makkekomiko.wordpress.com/2012/11/29/conoscere-i-personaggi/) per caratterizzare i personaggi, ovvero quello dell’azione caratteristica: questo è il motivo per cui sono migliori tre righe di azione caratteristica, piuttosto che trenta righe di descrizione del carattere.

Ecco uno scambio che, in poche righe, racconta tutto di una relazione senza bisogno di descriverla: è tratto da Giuseppe Pontiggia, “Vite di uomini non illustri”, Oscar Mondadori.
[Ezio] sceglie nell’autunno del 1953 l’università che la zia ha già scelto per lui. Sarà ingegnere meccanico, per dirigere lo stabilimento tipografico e introdurvi quei miglioramenti tecnologici che lo porranno ai primi posti in Italia.

Il 7 aprile 1958 parla a sua madre di una ragazza che ha conosciuto da poco, si chiama Cecilia, gli sembra di conoscerla da sempre. Tradisce un entusiasmo loquace e inequivocabile. Sua madre, quando lui ha finito, alza gli occhi dal giornale:

Forse meriti qualcosa di più, non ti pare?”

Perché, cosa merito?”

Il meglio” risponde lei senza esitare. “Certo dovrei conoscerla, ma da quello che dici non sembra né fisicamente né intellettualmente particolare. O no?”

Aggiunge: “Io la farei conoscere alla zia. Giorgio arriva domenica. Potete passare da loro prima di cena”.
Alla prossima, e vi aspetto a una delle
lezioni dimostrative gratuite dei miei corsi di scrittura creativa che saranno attivati a Febbraio! Tutte le info su www.pierpaolobuzza.itP.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...