Posts contrassegnato dai tag ‘Battuta’

Numero sessantasei                                                                                         Lunedì 13 dicembre 2010

L’autore si assume pienamente la responsabilità di quanto appresso riportato e solleva totalmente da qualunque onere il blog che lo ospita.

SUPPOSTE DI PRESENTE

Rubrica di pensieri e parole, riflessioni ed osservazioni sul mondo circostante

con lo scopo di far conoscere ai posteri com’era la nostra epoca e cosa si sono persi.

SOLO UNA BATTUTA

Cari posteri vengo a Voi con questa mia addirvi…

… che contrariamente a quanto si dice (e succede) sempre, i politici italiani in questo momento stanno facendo enormi sforzi per arginare la piaga della disoccupazione: la loro! E’ poco ma è già un buon inizio, magari poi si occuperanno anche di quella degli altri, comunque in vista della possibile crisi di governo di domani, molti deputati che erano “contro”, in nome del bene del Paese sono addirittura arrivati all’estremo sacrificio di accettare denaro (dai 350.000 ai 500.000 euro), consulenze o poltrone per diventare “pro” e non far cadere questa maggioranza.

A parte che il concetto di mantenere in piedi lo status attuale è un po’ come una donna che picchiata tutti i giorni dal marito ubriaco, puttaniere e che mette a palla Gigi D’Alessio non lo molla per paura della solitudine, c’è da sottolineare un altro aspetto di questo momento denominato impropriamente “mercato delle vacche” poiché il nome giusto sarebbe “dei porci”. In molte interviste alla domanda se avesse avuto offerte di corruzione qualche politico ha risposto ironicamente “magari!” ed è ahimè quel tipo di battuta che fanno o farebbero anche moltissimi comuni cittadini.

Infatti, cari posteri, il punto è proprio questo e cioè che nel nostro Paese talmente tutto è diventato merce che il povero Satana, che con la compravendita di anime ci campava alla grande, adesso arriva a fine mese giusto facendo saltuariamente  qualche plastico per Vespa e il postino dalla De Filippi. L’assicella della moralità s’è abbassata a tal punto che rispondere “magari” all’eventualità di arrivare all’obiettivo rapidamente ma in maniera poco pulita o stare al posto di un potente con cui Al Capone si vergognerebbe a farsi vedere in giro, non è più così tanto una battuta o un paradosso.

Il sito WikiLeaks (leak: falla, fessura) ha fatto degli scoop di portata tale (Berlusconi incapace, la Merkel poco creativa, Gheddafi si fa il botox) che fanno sospettare che dietro il capo dell’organizzazione Julian Assange ci sia Alfonso Signorini ma ciò non toglie che anche se avessero detto che il Papa è iscritto a Scientology perché ha una tresca con la moglie di Tom Cruise (meglio ancora proprio con Tom Cruise!) in Italia non sarebbe cambiato nulla. Chi è “contro” davvero, chi un senso della misura ancora ce l’ha, chi ancora si indigna, si sarebbe indignato ancora di più; coloro che sono contro “quelli che sono contro” sarebbero rimasti della stessa opinione ed infine tutti i furbi che in piccolo si comportano male, avrebbero continuato a pensare che facendo come fanno sono “normali” o nel giusto.

E allora, cari posteri, questo è il vero problema dell’Italia ovvero che finché ci sarà un genitore che farà una “battuta” del genere davanti al proprio figlio (con le varianti: “beato lui”, “quello si che è un dritto” o “tanto lo fanno tutti e che sono il più scemo io?”), allora Berlusconi potrà anche finire ma non finirà il berlusconismo col quale purtroppo dovremo fare i conti ancora per parecchio tempo.

Questo, cari posteri, per oggi è tutto. Con affetto

il vostro antenato Claudio Fois

Link consigliato: “trasformismo miracoloso” (secondo solo a Mastella!)