Posts contrassegnato dai tag ‘preparazione’

Numero 23                                                                                                           Venerdì 6 Gennaio  2012

MAKKE Bon Bon

Rubrica di cucina dedicata alla creazione e realizzazione di dolci, biscotti, crostate, torte, mousse, ma soprattutto alla preparazione di tutto quello che la vostra fantasia riesca ad immaginare…

Bon Bon appètit

Atto secondo

(Alessandra Buonasorte)

Anno 2012.

Nuovo anno, nuovi propositi.

Nuova vita, nuove avventure.

Questo sarà l’anno decisivo.

A fine aprile finalmente inizierò il Corso Superiore di Pasticceria presso ALMA, la scuola di alta cucina che si trova a Colorno, in provincia di Parma.

Non aspetto altro, vivo in attesa di quel momento.

Nel frattempo mi tengo in allenamento costante, e piano piano faccio piccoli progressi.

Dopo aver imparato a fare le meringhe, è venuto il momento di usare le meringhe stesse per fare una torta, che sia non solo buona, ma anche esteticamente accattivante.

Il procedimento per la realizzazione della torta meringata offre molti vantaggi: innanzitutto è possibile preparare le meringhe con molti giorni di anticipo, perché si conservano fragranti nel tempo (senza esagerare, non un mese!); secondariamente, la meringata è un dolce che si mantiene in freezer fino al momento della consumazione, quindi anche questo permette una preparazione preventiva; in ultimo, è un dolce che va bene in qualsiasi stagione, dal momento che si utilizzano le fragoline di bosco surgelate reperibili facilmente nei supermercati.

Detto questo, procediamo con la realizzazione!

Provate provate provate, fate modifiche, mettete in moto la fantasia e rendetemi partecipe dei vostri risultati! J

Sperimentate, assaggiate, gustate e condividete!

 Alessandra Buonetorte

 

 

 

Torta Meringata

****** INGREDIENTI ******

  • 150g Albumi
  • 320g zucchero
  • Fragoline di bosco
  • Zucchero a velo
  • Crema chantilly (vedere articolo numero 21)

****** PREPARAZIONE ******

Montare gli albumi e un pizzico di sale con le fruste elettriche per qualche minuto.

Aggiungere circa 150g di zucchero e far montare per 8 minuti.

Aggiungere i restanti 170g di zucchero e far montare per altri due minuti.

Una volta pronto, mettere l’impasto nella tasca da pasticceria e dare alle meringhe la forma desiderata su della carta da forno.

Per la realizzazione della torta, è necessario formare due dischi, uno per la base e uno per la copertura. Io ho imparato a fare così: disegno un cerchio sulla carta da forno seguendo con la matita la circonferenza di un piatto, dopodiché lo riempio di meringa restando all’interno del bordo.

Con l’impasto che sicuramente vi avanzerà fate delle piccole meringhe che serviranno per la decorazione finale.

Cuocere in forno ventilato a 130° per un’ora e mezzo.

Mi raccomando: la meringa è quanto di più fragile esista, fate attenzione a non rompere i dischi una volta cotti ( a me è successo!); per sicurezza, fatene alcuni in più.

Per quanto riguarda la crema chantilly, è necessario che sia abbastanza densa e non liquida: vi consiglio quindi di montare la panna molto bene, fino ad ottenere una consistenza ben ferma.

Composizione degli strati della torta dal basso:

Disco di meringa

Crema chantilly

Fragoline di bosco

Disco di meringa (rovesciato)

Un pizzico di crema chantilly

Fragoline di bosco

Zucchero a velo

I bordi della torta, stuccati con la crema, vanno ricoperti di meringhe sbriciolate.

****** DECORAZIONE ******

La bellezza di questa torta è il contrasto tra il bianco della meringa e il rosso acceso delle fragoline.

****** ABBINAMENTO VINO ******

Brachetto d’Acqui, indicato per dolci e macedonie, fragrante e aromatico. Da servire ad una temperatura di 6-8° C in un calice lungo.

Bon Bon appètit

Annunci

Numero 20                                                                                                         Venerdì 25 Novembre 2011

MAKKE Bon Bon

Rubrica di cucina dedicata alla creazione e realizzazione di dolci, biscotti, crostate, torte, mousse, ma soprattutto alla preparazione di tutto quello che la vostra fantasia riesca ad immaginare…

Bon Bon appètit

Una mossa “avventata” 

(Alessandra Buonasorte)

Adoro le sorprese.

Pur essendo maledettamente curiosa, adoro la sensazione che si prova nel momento che intercorre tra il ricevere un regalo e la sua effettiva apertura; tra il campanello che suona inaspettatamente e l’apertura della porta su un volto caro.

Forse per questo sono sempre stata affascinata dai calendari dell’avvento. Ventiquattro giorni, dal 1 al 24 dicembre, ogni giorno una casellina, una finestrella, un cassettino. Di legno, plastica, polistirolo, stoffa. Ventiquattro piccole tasche che contengono ventiquattro piccoli oggetti minuscoli. Ventiquattro sorprese inaspettate. Si, perché se è vero che nei supermercati e nelle tabaccherie vendono calendari dell’avvento già pronti, è altresì vero che ne esistono di vuoti, da riempire a piacimento.

Un’occasione da non lasciarsi sfuggire!

Detto, fatto.

Destinatari delle mie ventiquattro sorprese: mia sorella e mio cognato.

Via Flaminia, un delizioso negozio di articoli per la casa strabordante di decorazioni per l’imminente prossimo Natale: entro, scelgo un calendario di stoffa con ventiquattro piccole calzette rosse e l’immancabile babbo natale con le sue renne; lo compro e comincio a girare per la città cercando le cose più piccole che esistono: minuscole calamite da frigorifero, cioccolatini sfusi, decorazioni per l’albero di natale.

Poi, improvvisamente, l’illuminazione: la cosa più semplice, d’effetto, divertente, buona e bella: biscotti di pasta frolla fatti in casa e decorati!

Dal 1° dicembre mia sorella e il suo fidanzato ogni mattina avranno un piccolo regalino da aprire e……da mangiare!

E voi? Avete ancora cinque giorni per organizzarvi…….avete già in mente la persona per cui preparare il vostro calendario dell’avvento vero? J

Sperimentate, assaggiate, gustate e condividete!

 Alessandra Buonetorte

 

Ricetta dei biscotti di pasta frolla

****** INGREDIENTI ******

                                                                                                

Pasta frolla (dose per 3 crostate):

500g burro

268g zucchero a velo

1 uovo intero

2 tuorli

750g farina

****** PREPARAZIONE ******

Pasta frolla:

Mescolare il burro a temperatura ambiente con lo zucchero a velo, lavorando l’impasto con le mani. Aggiungere i tuorli d’uovo e l’uovo intero. Aggiungere la farina setacciata. Dare all’impasto una forma rotonda e mettere in frigorifero per almeno due ore, passate le quali la pasta frolla è pronta per essere stesa e modellata. Dopo averla stesa, dare la forma che si vuole con delle formine apposite e poi cuocere in forno ventilato a 180° fino a doratura.

****** DECORAZIONE ******

Io ho decorato i miei omini di pasta frolla con del cioccolato fondente fuso per gli occhi, del cioccolato bianco fuso per la bocca e delle smarties per i bottoni.

****** ABBINAMENTO VINO ******

Consiglio del sommelier: Aleatico dell’Elba

Bon Bon appètit